FAQs - smartphone

Le FAQ di GARR CERT


ANTIVIRUS PER SMARTPHONE: SERVONO VERAMENTE?
Tratto dalla rubrica Risponde Cecchini - GARR News 10 - Giugno 2014

Una premessa: mi riferirò solamente a smartphone non rooted (o jailbreaked), supponendo che in questi casi il proprietario sia abbastanza smaliziato da sapersi rispondere da solo... Per chi non ha voglia di leggersi il resto, la risposta veloce è no in entrambi i casi: IOS (Apple) e Android, il primo no più deciso del secondo.

Con questo non voglio dire che il rischio di infezioni sia nullo, ma semplicemente che un comportamento attento è sufficiente. Un antivirus comunque può essere utile, a dispetto dell'aumento del consumo di risorse (la batteria!) che il suo uso comporta. Un discorso diverso va fatto per i rischi alla privacy: ci sono stati casi clamorosi di recente, ad esempio [v.gd/rKDQZ3], ma di questo parlerò in un'altra occasione. Teniamo presente che negli smartphone, a differenza di windows, le infezioni possono verificarsi solamente installando un'applicazione

IOS :: Apple controlla molto attentamente il suo app store e la struttura del sistema operativo non dovrebbe lasciare spazio per virus e trojan (maggiori dettagli qui: [v.gd/HZDztq]). Ovviamente sviste e bug sono sempre possibili, ma le probabilità, almeno per ora, mi sembrano trascurabili. Qui un'opinione diversa: [v.gd/niYUL7].

Android :: Anche in questo caso, se ci si limita a repository ”ufficiali“, come Google Store o Amazon, i rischi che si corrono sono minimi. Basta comunque seguire poche e semplici regole:

  • accendete il bluetooth solo quando serve;
  • leggete attentamente la descrizione e i commenti dell'applicazione che state per installare, magari verificando lo sviluppatore;
  • fate molta attenzione ai permessi che l'applicazione richiede quando sta per essere installata (ad es.: perché un gioco vuole poter spedire sms?).

E se proprio volessi un antivirus?

anche essere utile: molti, ad esempio, possono servire anche nel caso di perdita del telefono (parlerò anche di questo in un'altra occasione) o a verificare che le applicazioni non violino la privacy del proprietario.

AV TEST ha pubblicato da poco un rapporto sulle prestazioni di un gran numero di antivirus: [v.gd/y7gLbY]. I prodotti che mi sembrano più interessanti, ma non li ho provati tutti, sono questi:

  • Lookout: permette anche di localizzare il telefono smarrito;
  • Avira antivirus security: permette di cancellare i dati da remoto;
  • Malwarebytes Anti-Malware;
  • AVG Antivirus Free: con possibilità di localizzazione e cancellazione dati da remoto.

 

 


Protezione e privacy per smartphone Android
Tratto dalla rubrica Risponde Cecchini - GARR News 11 - Dicembre 2014

Chi usa uno smartphone sa bene quanto sia facile che arrivi a custodire una grande quantità di propri dati, personali e anche sensibili. Ecco qualche consiglio per ridurre i rischi della loro divulgazione.

Cancellazione dei dati

Avast ha fatto un esperimento comprando 20 telefoni usati su Ebay, su cui ha utilizzato normali programmi di recupero dati: ha trovato 40.000 foto, di cui diverse intime e molte centinaia di indirizzi email e messaggi [v.gd/xopufu].
Un metodo più sicuro per cancellare i dati personali è di cifrarli prima del reset (Impostazioni -> Sicurezza -> Esegui crittografia del telefono).

Backup esterni

Fate attenzione che il backup sui server Google (comodo se cambiate telefono) trasferisce, ad esempio, anche le password di tutti i sistemi wifi che avete utilizzato [v.gd/GMxOxL]. Forse a Google non interessano, ma chi altri ha accesso ai loro dati? Anche molti altri servizi di cloud storage non garantiscono molto da questo punto di vista, primo tra tutti Dropbox [v.gd/LaL8Hy].

Come capire se un’app è potenzialmente pericolosa

Si sono verificati parecchi casi di applicazioni apparentemente innocenti, ma che però fornivano a terze parti molte informazioni sull’utente [v.gd/eaeKeh]. Evitate, se possibile, di installare applicazioni da store diversi da quelli “ufficiali” e all’installazione controllate i privilegi richiesti, anche se, visto come funziona il meccanismo in Android, spesso le app devono richiederne molti di più di quelli che effettivamente usano. Ci sono molti programmi per aiutarvi a proteggervi [v.gd/imNc4] - [v.gd/depqMF], anche se i più efficaci richiedono che il telefono sia rooted. Google non aiuta certo in questo compito, vedi ad esempio la storia dell'App Ops Launcher [v.gd/Wq6zEd].

Protezione dai furti

Ci sono molti prodotti che, almeno in teoria, permettono di rintracciare e resettare un dispositivo da remoto: ad esempio Cerberus, Avast! Anti-Theft e Android Lost, oltre alla Gestione dispositivi Android di Google. Alcuni possono essere anche attivati via sms, senza bisogno di connessione dati.

Blocco schermo

Un blocco schermo è fastidioso da utilizzare, ma è sicuramente essenziale. Il più sicuro è una buona password, ma un ragionevole compromesso potrebbe essere una sequenza di sblocco non troppo banale (accoppiata ad una periodica pulizia dello schermo...).

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy